AVIA FL3

Nato dall’entusiasmo di Francis Lombardi con l’aiuto dei progettisti Mosso-Granieri-Mortara , l’FL3 compie il suo primo volo a Vercelli nel 1938 .Da subito l’FL3 si dimostra un progetto valido, per le caratteristiche tecniche e costruttive unite ad un’alta economia d’esercizio rispetto ad altri addestratori dell’epoca. La costruzione completamente in legno con l’ala a sbalzo, l’abitacolo con posti affiancati e l’adozione di un nuovo motore di bassa potenza appositamente studiato ne fanno, per l’epoca, un aeroplano particolarmente innovativo.

L’esemplare attualmente in restauro presso il laboratorio di Giorgio Bonato e’ stato prodotto nel primo dopoguerra (1947) e ha subito nel corso della sua vita operativa presso alcuni Aero Club notevoli trasformazioni.

Al termine di una meticolosa ricerca storica e di un’attenta ricostruzione delle parti modificate, l‘Avia -L3 della collezione Giorgio Bonato sarà l’unico volante al mondo del tipo militare (L3) con abitacolo aperto e pattino di coda.

Scheda Tecnica AVIA-FL3

Apertura Alare 9,850 m.
Lunghezza 6,36 m.
Superficie Alare 14,350 mq.
Motore CNA D4S 60 cv.
Peso a Vuoto 290 kg.
Velocita’ max 170 km/h
Velocita’ di Crocera 150 km/h
Tangenza Pratica 5000 mt.